L'ARTE NEL GIOIELLO

MATTIOLI & ESCHER A PALAZZO REALE

Per Mattioli, l’arte, è molto più che una semplice fonte di ispirazione: è l’essenza stessa del marchio. Le collezioni di Licia Mattioli, avvocato per formazione e imprenditrice per vocazione, vengono create da sogni nati dall’arte, raccontando una storia che accompagna ogni gioiello. “Nomen omen”, si direbbe osservando questi gioielli realizzati per esprimere al meglio tutta la potenza del loro nome: ideali per i più grandi vernissage e, allo stesso tempo, pronti e mettersi in mostra come vere e proprie opere d’arte. Sono gli abili colpi di “pennello” dell’alta gioielleria ad accostare tra loro i colori più diversi rendendo opere d’arte i gioielli stessi.

Licia Mattioli ci conduce in un viaggio nel mondo della storia dell’arte: da Klimt a Magritte, passando per Mondrian e Calder, toccando Dalì e Kandinsky, senza dimenticare Seurat e Balla.

Con la nuova collezione Rêve_rLicia Mattioli, segna un altro punto di incontro con l’arte, ispirandosi alle opere di Escher, alle sue “prospettive impossibili” e al suo grande interesse per gli angoli di visione più insoliti. La collezione infatti, vede gemme variopinte, montate in senso opposto, diventare protagoniste di un fascino acuminato, e insolito. Ed ecco allora come sognare ad occhi aperti ciò che si rivela tangibile con i pezzi unici, partendo così dai riflessi verdi e citrini di oro giallo e peridoto, diamanti bianchi e fancy. Per arrivare alle visioni suadenti del modello più hi-tech, leggerissimo in titanio con diamanti neri, rubini e diamanti bianchi, fino allo charme femminile e morbido dell’anello in oro rosa, con diamanti bianchi e taglio antico.


SHARE:
#PRESSOFFICE #EVENTS #CELEBRITIES #NEWLAUNCH #CAMPAIGN #BESTEDITORIALS